La consulenza termografica edile per l'isolamento termico

La consulenza termografica edile per l’isolamento termico

La consulenza termografica edile per l’isolamento termico.

La consulenza termografica edile per l’isolamento termico. Un aspetto essenziale per rendere un ambiente confortevole è quello dell’efficientamento energetico. Disporre di una casa oppure di un luogo di lavoro ben progettato sotto questo punto, permette di vivere in maniera confortevole ed inoltre di abbattere in maniera considerevole i costi necessari per riscaldare d’inverno e rinfrescare d’estate. Per ottenere questo genere di risultato, è possibile valutare diverse soluzioni tra cui, una delle più performanti, è certamente quella presentata dall’installazione di un cappotto termico.

Il cappotto termico è costituito da una serie di pannelli isolanti che vengono fissati nella zona perimetrale esterna di un edificio con l’obiettivo di non consentire lo scambio termico. In parole povere sarà necessario fare in modo che le temperature esterne non vadano ad influenzare quelle interne sia durante il periodo estivo sia durante quello invernale.

La consulenza termografica edile per l’isolamento termico: come viene realizzato il cappotto termico

Il cappotto termico permette di isolare un edificio e quindi di ottimizzare le risorse dal punto di vista energetico rendendo anche l’ambiente più confortevole. La realizzazione del cappotto termico, prevede l’utilizzo di pannelli isolanti che vengono fissati con l’utilizzo di collanti sulla parte perimetrale esterna dell’edificio stesso. Inoltre, la ditta installatrice dovrà anche preferire un rivestimento rinforzato con apposita rete di armatura che renderà i pannelli maggiormente ancorati e solidi. Infine, sarà necessario anche realizzare un apposito strato di finitura che avrà un duplice obiettivo.

Lo strato di finitura, innanzitutto, dovrà rendere la facciata esterna dell’edificio più gradevole dal punto di vista estetico ed inoltre servirà per proteggere gli stessi pannelli isolanti dall’azione degli agenti atmosferici e dalle escursioni termiche. Infatti, qualora i pannelli isolanti non dovessero essere protetti in maniera ottimale, con il trascorrere del tempo potrebbero perdere la loro efficacia comportando non pochi problemi. Dunque, per la realizzazione di un cappotto termico è necessario disporre di materiali isolanti di qualità adatti alla zona dove è presente l’edificio, ma anche disporre di una ditta specializzata che sa eseguire la posa in opera a regola d’arte.

Le possibili problematiche del cappotto termico

Il cappotto termico protegge gli ambienti interni di una casa oppure di un edificio adibito a luogo di lavoro dalle escursioni termiche, migliorando il confort e ottimizzando anche i costi energetici. Tuttavia, con il passare del tempo oppure in ragione di una non corretta installazione, il cappotto termico può rivelarsi controproducente facendo insorgere problematiche piuttosto rilevanti. In primo luogo è bene precisare proprio come la durata dell’efficienza di un cappotto termico dipenda da due fattori principali: le modalità con cui è stata eseguita la posa in opera, le caratteristiche e l’esposizione della zona in cui si trova l’edificio.

Chiaramente un edificio che viene esposto costantemente ai raggi solari, deve prevedere uno strato di finitura maggiormente corposo per proteggere opportunamente i pannelli isolanti dall’eccessivo shock termico che andrebbero ad inficiare sulla capacità di isolare. Uno dei principali problemi che possono presentarsi in un cappotto termico, non consentendo quell’isolamento necessario, è il ponte termico. Solitamente questa situazione viene causata in ragione di una posa in opera non ottimale, per cui c’è il cosiddetto scambio termico in un punto del cappotto e quindi la casa non risulta efficientata al meglio.

Questo significa maggiori costi per riscaldare oppure raffrescare tutte le varie zone. Un altro problema che può emergere e può dar luogo a questo genere di situazioni, è il cosiddetto fenomeno di displanarità. In pratica, i pannelli non sono stati posizionati in maniera corretta presentando lungo tutta la superficie del cappotto delle differenze di spessore che seppur minime, possono inficiare in maniera considerevole sul funzionamento del sistema. Lo stesso accade se i giunti dei pannelli non sono stati accostati al meglio tra di loro per cui non c’è uniformità per quanto riguarda le temperature. Tutta questa serie di problematiche, soprattutto legate ad una certa incapacità nell’eseguire una posa in opera corretta, possono comportare la formazione di condensa ed umidità. Un danno che sarà non solo estetico, ma anche e soprattutto funzionale giacché non si godrà di quel confort che dovrebbe essere assicurato da un cappotto termico.

Leggi l’articolo sulla condensa e i “muri che respirano”.

Leggi sul cappotto termico su wikipedia.

L’importanza della consulenza termografica edile per l’isolamento termico

Il cappotto termico ha quale principale obiettivo quello di isolare gli ambienti interni di un edificio permettendo un maggior confort e di abbattere i costi energetici in bolletta. Come abbiamo visto, in ragione di alcuni errori commessi durante la posa in opera, i riscontri possono non essere ottimali o quantomeno immaginati. Tutto questo però può essere facilmente evitato utilizzando la termografia. In particolare durante la posa in opera di un cappotto termico, avendo a disposizione questo genere di analisi in tempo reale, sarà possibile evitare errori e quindi assicurare una posa in opera a regola d’arte. La consulenza termografica edile per l’isolamento termico.

Ne beneficerà l’ambiente realizzato che sarà confortevole in qualsiasi periodo dell’anno ma anche l’aspetto economico in quanto, in futuro, non saranno necessari ulteriori interventi di riparazione e manutenzione. La termografia è importantissima dunque in fase di costruzione di un cappotto termico ma anche qualora fosse necessario intervenire per eliminare la presenza di umidità e di una eccessiva condensa in un ambiente dell’immobile.

Con una semplice fotografia ad infrarossi si potrà capire in quale zona c’è il problema e quindi si potrà intervenire con celerità minimizzando il disagio per il cliente. Infatti, termografia è una tecnica di analisi che permette di acquisire immagini nell’infrarosso per valutare con attenzione la situazione. La la termografia viene eseguita per telerilevamento per diagnosticare un’ampia gamma di patologie edilizie. Insomma, è uno strumento indispensabile sia in fase di realizzazione che di verifica dell’efficienza del cappotto termico ma non solo.

Richiedi una analisi completa. Poi non lamentarti se, dopo aver speso tanti soldi per la ristrutturazione, scopri che hai più condensa di prima.

Vuoi essere ricontattato o prenotare una consulenza telefonica gratuita? Compila questo modulo

Contattami.

  • Scegli
  • Privato
  • Professionista

Leggi anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *